Medicina e chirurgia rigenerativa

Trattamenti di rigenerazione cutanea

Cosa sono la medicina e la chirurgia rigenerativa

Medicina e Chirurgia Rigenerativa rappresentano le più recenti applicazioni delle scienze in campo medico. Hanno come obiettivo principale la riparazione di organi e tessuti danneggiati da invecchiamento, eventi patologici o traumi e ripristinarne o migliorarne il funzionamento.
Il termine “rigenerativa” viene comunemente utilizzato in associazione a quelle strategie terapeutiche che si affidano allo straordinario potenziale delle cellule mesenchimali adulte. Queste cellule sono dotate della capacità di differenziarsi in diversi tipi cellulari e quindi di coadiuvare il naturale processo rigenerativo di diversi tessuti dell’organismo.

Cellule staminali: applicazioni e metodologie

Queste nuove metodologie, manifestazione della più alta ricerca in campo medico, possono essere la soluzione per chi è affetto da ulcere croniche degli arti inferiori o da gravi ferite che stentano a rimarginarsi, determinate anche da traumi stradali. Possono applicarsi anche a chi sia affetto da importanti deficit a carico sia dei tessuti duri (come nelle fratture del massiccio facciale e delle strutture ossee dei vari distretti corporei) che dei tessuti molli, come nelle gravi perdite di sostanza e negli esiti cicatriziali che ne derivano o negli esiti di ustione.
L’impiego delle cellule staminali è finalizzato ad accelerare i processi di guarigione e a favorire la ricostruzione tridimensionale dei tessuti danneggiati.

Le cellule staminali sono anche la risposta ai problemi estetici generati dall’avanzare dell’età, da un dimagrimento eccessivo o troppo veloce, dallo stress o dall’eccessiva esposizione ai raggi del sole.
Le cellule staminali presenti nel grasso, infatti, costituiscono un vero e proprio deposito di bellezza e, possiamo dire, il più avanzato “prodotto” di medicina estetica.
Fino ad oggi si pensava che fosse il grasso a permettere la correzione degli inestetismi. E’ ora invece dimostrato che, da solo, il grasso è soggetto in gran parte all’assorbimento o alla necrosi, specialmente se usato in grande quantità e su zone ampie.
L’efficacia del trattamento risiede proprio nell’uso delle cellule staminali: le cellule adipose vengono usate come supporto iniziale e sostituite in seguito dalle nuove, generate dalle staminali impiantate in sede e che si stabiliscono nell’organismo.

PRP – Platelet Rich Plasma

In associazione al tessuto adiposo ricco di cellule staminali mesenchimali, si può utilizzare un concentrato di piastrine definito PRP (platelet rich plasma) ottenuto da un prelievo di 18cc di sangue sottoposto ad una specifica centrifugazione.
Le microiniezioni vengono effettuate nell’ambito di una chirurgia mini-invasiva per ottenere un ringiovanimento facciale, una stimolazione del cuoio capelluto, per colmare regioni deficitarie come le depressioni cutanee, nelle emiatrofie facciali, negli esiti cicatriziali, nelle perdite di sostanza, negli esiti di ustione e nelle ulcere croniche.